logo Strada del Vino Cesanese
LA STRADA DEL VINO CESANESE
Come accade per molte denominazioni storiche regionali, una descrizione geoantropica della Ciociaria che risolva il problema dei suoi confini e delle sue peculiarità etniche non è mai stata fornita. Il territorio interessato è sempre stato amministrativamente denominato Lazio, Campagna e Marittima o Campagna di Roma e gli studi storiografici e demologici che portarono alla luce gli aspetti sociali degli abitanti laziali detti ciociari, all'inizio del XIX secolo, trattano la questione in modo marginale, senza disporre di documentazioni precise. La prima analisi sistematica al riguardo fu fatta solo nel 1916, da Adele Bianchi, che in una pubblicazione dell'istituto geografico De Agostini discriminò chiaramente una regione o subregione, risultando che «la Ciociaria comprende l'ampia Valle del Sacco, i Monti Ernici, il versante interno degli Ausoni e parte dei Lepini», grossomodo il circondario di Frosinone. Pochi anni più tardi lo studio fu ripreso da alcuni intellettuali fascisti frusinati le cui tesi geografiche e etnologiche furono anche bandiera delle loro idee politiche, e che arrivarono a costruire l'antropologia di una «razza ciociara»[8], apportando nuova confusione al problema. Nel 1930 l'«Enciclopedia Italiana» riprese e rielaborò gli studi della Bianchi, considerando però Ciociaria anche parte del circondario di Sora e la valle del Gari e, discostandosi dalle opinioni degli 'intellettuali fascisti frusinati', ritenne esplicitamente l'area geografica descritta «priva di una propria individualità». Dal secondo dopoguerra invece, poiché nel Lazio fu conservato l'assetto amministrativo del regime, col termine ciociaro i governi locali promossero l'identità provinciale frusinate, e fu sollevato da diversi autori il problema di individuare se esistesse anche una «regione storica» ciociara e quali fossero le sue caratteristiche ed i suoi limiti; costoro avanzarono poi soluzioni molto divergenti fra loro. Le analisi antropologiche e toponomastiche, pubblicate dai primi anni sessanta furono tanto varie che si arrivò ad identificare la Ciociaria ora col territorio fra il Liri e i Castelli romani[9] ora con parte dell'antica provincia pontificia di Campagna e Marittima, o persino con l'intera provincia di Frosinone o buona parte del Lazio meridionale. Altri studiosi, infatti, considerano la "Grande Ciociaria" come tutto il Lazio meridionale, includendo in essa le province di Latina e Frosinone per intero.

Ciociaria "Cuore del Lazio"
Ingredienti:1/2 kg di farina,250 g di zucchero, una manciata di semi di anice, un ...
Il territorio del Parco confina nel versante orientale con la Regione Abruzzo, e ...
Da circa dodici anni a Serrone si è costituito il Club di parapendio e deltaplano ...
lunetta per social strada cesanese
NEWS
logostrada 200

Iscriviti alla newsletter